homepage

www.psicologiaeterapia.it  bacheca

Come la penso        richiesta consulto       chiedi informazioni            cerca mappa      

   Studio di Psicologia e Psicoterapia 
  Dott. Vittorio Mendicino 
Via Marco Decumio,15 Roma  (metro porta furba)  riceve  per appuntamento  richiesta informazione
Contatti - e-mail :info@psicologiaeterapia.it  Tel.06 768080 - 3495760842
 
(iscrizione albo N°1055)  
 autorizzazione  3696/ u del  10  /06/ 2004. P.I.09678690588
 

come opero       eccomi      cv    allo     psicologo           cerca telefono       cerca psicologo di Roma            

Contatti

  Sito dello psicologo Vittorio Mendicino di Roma. Tratta di  psicoterapia,psicoanalisi,psicologia,disturbi psichici,salute,articoli,ricerche. Offre risorse,indirizzi utili,comunità parioli,nonnina,

 

 
cerca qui
presentazione
indice
disturbi mentali psicologo
psicoterapia
psicoanalisi
prevenzione
ospedali cliniche
sanità asl cliniche csm
sportello consulti
medicina
articoli
meditativi
utility
suggerimenti richieste
scambio link
statistiche
cerca vie
cerca telefono
cerca indirizzo
le scienze
notizie ansa
epidemiologia

I Parioli

Parioli: quartiere bene di Roma
(Note e seminote exintonate)

Lunedi 5 giugno 2005 ore 10,30.

Mi trovo a Roma in via dei Parioli all’angolo con via Gualtiero Castellini.

Sono seduto sul mio vespino bianco, intento a leggere alcune pagine scritte da una persona conosciuta da poco, mentre  aspetto  mia figlia  che è andata qui vicino per fare una visita, per tornare a casa assieme. Quando, ad un tratto: “la quaglia va proprio di fronte al cacciatore”.

Una nonnina  col fisico visibilmente malconcio, avanza traballante, mentre viene  sorretta da una prosperosa e gagliarda ragazzona  che l’aiuta in quella che sembra una piccola passeggiata. Prendo la mira e deduco dall’ aspetto e dall’atteggiamento, che è certamente una ragazza russa. Bizzarro contegno, poiché a un tempo ha un fare che sembra premuroso e gentile ma, in secondo luogo, sembra che voglia mostrarsi estranea alla scena, come a dire che lei non c’entra nulla con quello scempio di “vecchia”. Il volto della nonnina invece è perso nel vuoto con evidente totale assenza di speranza. Si sente, si capisce che quella nonnina è tutto quello che resta delle operazioni di abbandono. Qui mi si cambia il canale in testa e mi compaiono quei  bambini  che vivono in orfanotrofio, quelli descritti da  Spitz e Bowlby, nei titoli di coda seguono quelli figli di genitori, modernamente separati. Passano dieci minuti e la scena si ripete con un’altra nonnina. Questa è ancora capace di esternare lagnanze, infatti prende a bastonate una macchina parcheggiata troppo vicino al marciapiede che è, secondo lei, poco rispettosa delle sue esigenze. La ragazza che l’accompagna, invece, sembra più soddisfatta, si mostra allegra sorridente, in realtà quando s’avvicina di più e posso prendere meglio la mira, capisco il perché: ha la cuffia del telefonino ben occultata nell’orecchio e probabilmente ascolta qualcuno che le parla, che la intrattiene piacevolmente mentre accompagna la “vecchia”. Il tempo che l’orologio sorpassa altre due linee dei segnaminuti grandi ed eccoti  un’altra  “quaglia” che svolazza davanti al “cacciatore”. Questa volta vedo una vecchina dalla cera molto aristocratica, truccata come fosse una ragazza d’oggi, anche se non mostra tatuaggi e piercing né ombellico al vento, ma rossetto, rimmel e tanto trucco modernamente spalmato. Osservo la loro drammatica sfilata che esibiscono ai miei occhi aguzzati… la ragazza che questa volta si trova sul lato sinistro della signora, grosso modo,  ha le stesse sembianze ed atteggiamento di quella di prima, quella che era posizionata  al lato destro, invece questa sembra veramente  un libro aperto. Mi sento molto sicuro sulle deduzioni che ne traggo: “penso che sia la figlia e che il giorno prima, cioè ieri, domenica, è stata  per tutta la giornata al mare e, che in quel momento potrebbe stare in luoghi e con persone più congeniali ai suoi bisogni, però è molto impegnata nel non far trasparire l’astio che vive verso la madre, che per via della sua età “vecchia” limita  la sua libertà. Lei, la figlia,  non se la sente, non ci riesce a lasciarla sola  per diversi giorni con la governante…e così probabilmente oggi, ha pensato di portare a spasso sua madre, magari più per azzittire un po le lagnanze della sua coscienza che per sua madre: ormai lontana, tanto lontana tranne nel giudicare. Ahi! ho sbattuto la testa come al solito in uno di quei pensieri più grandi di me, così mi sono procurato in testa un altro di quei bitorzoli che rendono antipatici e ripetono a pappagallo: “un’altra volta guarda meglio e fatti i fatti tuoi”. Questo è il pensiero assassino: Parioli, quartiere bene di Roma, si ma la logica gentilizia dell'aristocrazia intellettuale se non trova il contrappeso della dura e selvaggia logica della natura porta la comunità su cui s'esprime all'estinzione e alla morte per darwiniana legge terrena.

V.M.

mappa del sito

indietro

 webmaster

www.psicologiaeterapia.it    Dott: Vittorio Mendicino (psicologo - psicoterapeuta)  info@psicologiaeterapia.it

© psicologiaeterapia 2005